Placeholder image

Stradivarius e Castell'Arquato

Un gioiello in uno dei borghi medievali più belli d'Italia e del Mondo

Il ristorante Stradivarus si trova in pieno centro storico a Castell'Arquato lungo via Sforza Caolzio, la storica strada che dalla porta di Monteguzzo attraversa tutto il borgo.
Il castello è tutt'ora proprietà e abitazione della famiglia del celebre liutaio cremonese Antonio Stradivari.
Da oltre 40 anni Stradivarius significa eleganza, tradizione e genuinità: il ristorante conta 160 coperti all'interno e 60 coperti nel giardino panoramico, ideale per eventi e matrimoni suggestivi.

Placeholder image

Ristorante Stradivarius è stato recentemente protagonista della “Confederation Europeenne des Gourmets”.

Come scritto da Mauro Marelli nel periodico della associazione, “Il Gourmet Risorto”, « […] la cena di gala ci aspettava allo Stradivarius, ristorante panoramico sito nell’antico Castello Stradivari a Castell’Arquato, ancor oggi proprietà degli eredi del famoso liutaio cremonese, anche qui in un borgo medievale sul cocuzzolo di una collina e con l’abbigliamento del personale con tocchi storici per completare l’atmosfera.
I tavoli erano disposti in modo da poter effettuare la caratteristica cerimonia di intronizzazione dei nuovi Gourmets che si è tenuta nella bella sala innanzi ad un antico camino. Si è iniziato conferendo il Gran Collare (Ruban) a Luigina Baistrocchi di Salsomaggiore che ha assunto la carica di nuovo Console Territoriale del Ducato di Parma, Piacenza e Guastalla per proseguire poi con Gianni Emiliani, Renato Maggio, Marino Brandinelli, Corrado Botti e la giovane Alessia Acquaviva, i quali hanno prestato il tradizionale giuramento dei Gourmets Europei. Sempre valida la formula rituale con cui il Console Nazionale Presidente, oltre al Vino e al Cibo cita la Conviviale Amicizia, anch’essa una importante componente per ottimizzare il piacere della tavola. Alla fine della cerimonia eravamo pronti per affrontare la parte gustativa della serata, a cominciare dagli stuzzichini e da squisiti antipasti per noi preparati dalla brava cuoca Ivana Tubia. Anche qui naturalmente golosi affettati e assaggi di carni affumicate con Aceto balsamico, fichi e miele. A rendere più golosa l’occasione i vini dell’azienda Luretta, 50 ettari di vigna bio attorno al Castello di Momeliano a Gazzola, di cui siamo affezionati ammiratori e per cominciare il delizioso spumante da uve Chardonnay “Principessa”, seguito poi dal coinvolgente Sauvignon “I Nani e le Ballerine”, quindi il morbido Rosso “Pantera” uvaggio di Barbera, Bonarda e Cabernet, per finire al dessert con “Le Rane”, impagabile vendemmia tardiva da uve Malvasia di Candia. Questi accompagnarono come meglio non si può il pranzo ben calibrato come sapori e quantità, di cui ricordo volentieri i “Tagliolini verdi agli agrumi con pesto di Rucola e Mandorle” e lo “Stinchetto di Maiale con purea di mele e Rossa di Tropea in agrodolce”. Come tocco finale piacevolissimo il concerto lirico e canzonettistico tenuto da Tina Lambri e dal tenore Gianni Zucca con l’accompagnamento del pianista Roberto Sidoli, che fece finire in bellezza la serata terminata con un meritato applauso al personale di sala che, sopportando il caldo sprigionato dai costumi d’epoca indossati, sotto l’attenta regia della Signora Angela, ha servito con dovizia i conviviali. »

Contact

Ristorante Bar Stradivarius di Onetti Giancarlo & C. S.A.S.
Via Sforza Caolzio 36
29014, Castell'Arquato (Piacenza)
P.IVA: 00190620336